Fagioli in umido con zafferano e cumino

18 Gen, 2017 da

zafferanoOggi una ricetta all’insegna delle spezie, per soddisfare il bisogno di chi mi chiede idee per usarle in cucina. L’ho tratta, modificandola un po’, da un libro di Lorenza Pliteri che vi consiglio di acquistare: “Cannella e zafferano”. L’avevo comprato solo per il titolo, poi, leggendolo, sono stata molto felice della mia intuizione. Provare per credere!  Si tratta di una ricetta rapida che offre un’idea nuova per inserire i legumi nell’alimentazione quotidiana in modo saporito. I legumi, infatti, abbinati ai cereali, sono un’ottima fonte di proteine, così come di fibre, utili – come tutti sappiamo – per il buon funzionamento dell’intestino.

Ingredienti

250 g di fagioli cannellini, 2 spicchi d’aglio, 1/4 di cucchiaino di semi di cumino tritati, 1/2 cucchiaino di paprika, 1/2 bustina di zafferano, olio extravergine d’oliva, sale marino integrale

Preparazione

In una casseruola, meglio se di coccio, rosolate l’aglio tritato in due cucchiai d’olio, poi unite il cumino, la paprika, lo zafferano sciolto in un po’ d’acqua tiepida. Lasciate insaporire per 2’, poi aggiungete al soffritto i fagioli con un po’ della loro acqua di cottura, regolate di sale se necessario e stufateli a fuoco basso, mescolando di tanto in tanto, fino a che saranno quasi asciutti. Servite subito caldi.

Fin dall’antichità lo zafferano è stata una delle spezie più preziose e costose, tanto che ai tempi delle dame e dei cavalieri, un solo pacchetto valeva un purosangue Gli antichi compendi di dietetica cinese lo annoverano tra i condimenti-medicina di natura neutra e sapore dolce, in grado di nutrire il sangue e scioglierne gli accumuli, far circolare il Qi, stimolare il flusso mestruale, calmare il dolore, combattere la depressione, fermare le emorragie gastriche. E oggi, diversi studi scientifici suggeriscono l’impiego dello zafferano in caso di insufficienza ovarica. Le sue proprietà sono molteplici, è infatti: digestivo, antispasmodico, tonico, emmenagogo.

 

Condividi questo articolo!

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *