Le ricette del buonumore

9 Nov, 2018 da

cibi buonumoreNell’articolo di qualche giorno fa dedicato al legame tra depressione e alimentazione, avevo promesso qualche ricetta che rispettasse i suggerimenti dati per comporre menu quotidiani sani, appetitosi e che potessero essere di aiuto per sostenere un tono dell’umore basso. Eccoli:

Pane integrale ai cereali misti con crema di tofu o ricotta

Ricetta veloce per la colazione

Mettete nel tritatutto un cucchiaio colmo di semi oleaginosi misti (zucca, girasole, lino, sesamo) leggermente tostati a fuoco dolce in un padellino antiaderente e tritateli con 60 g di tofu (meglio se fatto prima sbollentare per qualche minuto, dopo averlo tagliato a cubotti). Trasferite il composto in una ciotola, aggiungete un cucchiaio di miele e mescolate con cura. Spalmate sul pane tagliato a fette e leggermente tostato. Potete anche aggiungere del cacao, della cannella e qualche fettina di mela o pera o altra frutta secca a piacere, ad esempio delle mandorle o delle nocciole spezzettate grossolanamente. Potete sostituire il tofu con della ricotta.

Risotto al cavolfiore, olive e pangrattato

380 g di riso per risotti semintegrale (ad es. Carnaroli), 1 cavolfiore da circa 700 g, 100 g di olive nere snocciolate, 80 g di pangrattato, 40 g di filetti di acciuga sottolio, 2 cucchiai di parmigiano grattugiato, 30 g di ghee o di burro, più una noce per mantecare, 1 porro piccolo, 1 spicchio d’aglio, 2 rametti di rosmarino, 1,5 l di brodo, 150 ml di vino bianco, olio evo, sale, peperoncino in povere

Frullate finemente il pangrattato con le acciughe, 2 cucchiai d’olio, un pizzico di peperoncino e il rosmarino sfogliato. Trasferite il composto in una padella scaldata a fuoco vivace, mescolate continuamente, fino a quando il pangrattato non sarà dorato e croccante.

Riducete il cavolfiore in cimette, tagliando le grandi a metà e lasciando intere le piccole. Rosolate nel burro il porro tagliato fine insieme allo spicchio d’aglio tritato. Unite il cavolfiore, salate e coprite con circa 2 mestoli di brodo già a bollore.

Lasciate sobbollire per 5 minuti abbondanti finché il brodo non si sarà ridotto e le cimette non risulteranno piuttosto tenere. Unite il riso, fategli assorbire il liquido e lasciatelo tostare. Sfumate eventualmente con il vino e fatelo evaporare. Unite un mestolo di brodo bollente per volta, avendo cura di farlo assorbire prima di aggiungerne dell’altro, sempre mescolando. Completate la cottura.

Unite, a fuoco spento, le olive tritate grossolanamente, la noce di burro o di ghee e il parmigiano. Mescolate e lasciate riposare per un minuto. Distribuite il risotto nei piatti e conditelo con un’abbondante spolverata di pangrattato aromatizzato.

Miglio veloce alle noci

Cipolla, cavolo cappuccio a piacere, 50-70 g di miglio a persona, 1 cucchiaino di salsa di soia a persona, un bicchiere di brodo vegetale a persona, 10-20 g di noci a persona, prezzemolo

Rosolate con poco olio nella pentola a pressione un po’ di cipolla e cavolo cappuccio tagliato a striscioline, aggiungete il miglio, la salsa di soia, il brodo vegetale e cuocete per 10 minuti circa. Spolverate con le noci spezzettate e prezzemolo tritato a piacere.

Zuppa di lenticchie alla romana con cavolo nero

300 g di lenticchie piccole, 200 g di pane integrale meglio se un po’ raffermo, 1 cespo di cavolo nero, 1 costa di sedano, 2 scalogni, 1 mazzetto di erbe aromatiche miste, mezzo cucchiaio di conserva di pomodoro, olio evo, sale e pepe bianco

Mettete a lessare le lenticchie per 30’ in due litri d’acqua poco salata con un cucchiaio d’olio, un fusto di sedano e il pomodoro. Mondate il sedano, eliminate le coste più esterne, tagliate le restanti a rondelle di mezzo centimetro, conservando le foglie più tenere. Quindi mondate il cavolo nero, levate la parte più coriacea e riducetele a striscioline. Preparate un trito fine con gli scalogni, le foglie di sedano, l’aglio e le erbe aromatiche e fatelo dorare per qualche minuto in 2-3 cucchiai di olio. Quindi unite io sedano a rondelle, il cavolo nero, 2 mestoli di acqua di cottura delle lenticchie e proseguite per 10 minuti a fuoco moderato. Passato questo tempo aggiungete le lenticchie con i tre quarti della loro restante acqua di cottura e cuocete per altri 5 minuti.

Se la zuppa risultasse troppo densa versate il resto dell’acqua delle lenticchie. Controllate il sale e completate con una macinata di pepe. Mentre la zuppa cuoce tagliate a dadini il pane, tostatelo brevemente in forno e distribuitelo in 4 fondine versandovi quindi sopra la zuppa ben calda e servite subito.

Sgombro agli aromi al cartoccio

2 sgombri, 2 patate, pangrattato, 50 g pomodori secchi, qualche rametto di rosmarino, qualche rametto di timo fresco (o un pizzico di timo secco), olio evo, 2 spicchi d’aglio, sale, pepe nero

Lavate il pesce lasciandolo intero. Su di un tagliere affettate l’aglio, il rosmarino, il timo e i pomodorini secchi tritandoli finemente, aggiungete il pangrattato, regolate di sale e pepe. Farcite gli sgombri con questo composto di pangrattato aromatizzato.

Sbucciate le patate e riducetele a fette sottili. Adagiate le fette su carta da forno, condite con un filo d’olio e mettete un po’ del composto di pane aromatizzato. Adagiate lo sgombro sulle patate, irroratelo d’olio e cospargetelo con altro pangrattato.

Chiudete bene il cartoccio, sigillandolo sui lati, mettete nel forno preriscaldato a 180°C per 40-45 minuti.

Petto di tacchino all’arancia

4 fette di petto di tacchino, il succo di un’arancia grande o di due piccole, 4 cucchiai di vino Porto, olio evo, il succo di mezzo limone, sale, pepe

Mettete l’olio in una padella e fate cuocere le fette di tacchino per una decina di minuti, da ambo i lati. Una volta cotte, toglietele dalla padella e tenetele in caldo. Nella stessa padella versate il succo dell’arancia e del limone e il Porto, salate e pepate. Fate andare il liquido a fiamma alta fino a farlo restringere. Aggiungete un pochino di farina (anche di riso) per addensare.

Rimettete le fette di petto di tacchino in padella e fate insaporire per un paio di minuti, girando la carne di tanto in tanto. Servite il tacchino caldo con la salsa sopra.

A piacere potete aggiungere olive nere e rosmarino.

Insalata di indivia belga, pere e noci al timo

500 g di indivia belga, 2 pere william, 10 noci, qualche rametto di timo, 5 cucchiai di olio evo, 2 cucchiai di aceto balsamico, sale, pepe

Affettate l’insalata belga a rondelle sottili e disponetela in un grande piatto da portata. Cospargetela con le noci spezzettate grossolanamente; salate, pepate e aromatizzate con le foglioline di timo.

Tagliate a cubetti le pere, disponeteli sull’insalata, quindi irrorate con olio e aceto balsamico.

Potete accompagnare l’insalata con del buon pane integrale ai semi misti. Potete anche renderla più ricca aggiungendo della ricotta fresca e dell’uva nera.

Barrette di cereali e frutta secca al cioccolato

150 g di cioccolato fondente (almeno al 70%), 100 g di zucchero di canna, 80 g di malto d’orzo, 50 g di noci sgusciate, 50 g di nocciole sgusciate, 40 g di cereali soffiati misti, olio evo per lo stampo

Tostate le nocciole in un padellino facendole saltare per qualche minuto. Quindi sminuzzatele e in una ciotola mescolatele alle noci spezzettate e ai cereali soffiati.

Sciogliete a fuoco dolce in un tegame lo zucchero con il malto e con 2 cucchiai di acqua. Versate il composto nella ciotola con i cereali soffiati e amalgamate bene il tutto.

Distribuite l’impasto così ottenuto in una teglia rettangolare foderata con carta forno spennellata con un filo d’olio. Livellate bene il composto con una spatola e infornate a forno ventilato a 140°C per 30 minuti. Lasciate raffreddare completamente il croccante nella teglia.

Estraete il croccante insieme alla carta forno, posatelo su un tagliere e con un coltello robusto dividetelo in 24 barrette regolari.

Sciogliete il cioccolato a bagnomaria, versatene piccole cucchiaiate su ogni singolo pezzo formando delle righe o delle gocce. Appena il cioccolato si raffredda, le barrette sono pronte e potrete conservarle in un contenitore avendo cura di separarle con strati di carta forno.

Perché la scelta delle ricette:

Le noci sono un toccasana per l’umore, sono ricche di acidi grassi omega3 ed esercitano una vera e propria azione protettiva sul sistema nervoso.

I cavoli sono una miniera di acido folico, anch’esso dotato di un buon potere protettivo del sistema nervoso.

Lo sgombro, come l’altro pesce grasso (alici, salmone, sarde) è ricco di acidi grassi omega3 e omega6 che hanno effetto antidepressivo e mantengono in efficienza il sistema nervoso.

Il tacchino è tra i prodotti animali quello più ricco di triptofano.

Il cioccolato contiene triptofano, un amminoacido chiave nell’aumento del livello di serotonina, che è il principale neurotrasmettitore per la produzione di piacere e relax dell’organismo. Per saperne di più sul cioccolato, leggi l’articolo  ad esso dedicato di qualche anno fa.

I semi oleaginosi contengono diverse sostanze che proteggono il sistema nervoso, in particolare magnesio, calcio, selenio, ferro, vitamine del gruppo B e vitamina E.

I legumi sono ricchi di triptofano e presentano un buon contenuto di vitamina B1 e B6.

La ricotta (come gli altri latticini) contiene triptofano, precursore della serotonina.

Condividi questo articolo!

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.