Al posto del sale

7 Apr, 2014 da

Il sale, da sempre il principale insaporitore per i cibi, in grado di fungere anche da conservante, è sempre stato presente nella nostra cucina. Negli ultimi decenni, però, il consumo di sale è andato progressivamente aumentando, con gli effetti negativi sulla salute che un’eccessiva assunzione di sodio può provocare: aumento della ritenzione idrica, aumento della pressione, impoverimento di calcio e quindi maggior rischio di osteoporosi e così via.

Per questo motivo, il consiglio di oggi è quello di ridurre l’uso del sale in cucina a favore di erbe aromatiche e semi che possono sostituirlo con successo, senza nulla togliere al gusto. Di seguito alcune idee e suggerimenti di facile realizzazione (tratti da vecchi numeri di Cucina Naturale) che potrete variare a seconda di quello che avete in casa o di ciò che la vostra fantasia vi suggerisce. 

Misto di pane e maggiorana

Tagliate a dadini molto piccoli 100 g di pane integrale o di grano duro, conditelo con un cucchiaio d’olio e 2 cucchiai di semi di girasole. Stendete i cubetti su una teglia e tostateli in forno a 200°C per dieci minuti, lasciandoli seccare. Una volta freddi, frullateli finemente mescolandoli con un cucchiaio abbondante di maggiorana secca. Sistemate il misto in un barattolo e conservate in frigo al massimo per una settimana.

Mix di pane alle erbe e alle nocciole

Riducete in dadini 100 g di pane toscano. Riunite su un tagliere uno spicchio d’aglio, 12 foglie di salvia e gli aghi di un rametto di rosmarino e tritateli finemente. Rosolate velocemente il battuto in una padella con 4 cucchiai di olio, aggiungete il pane a dadini e lasciatelo tostare bene per qualche minuto a calore medio-basso. Una volta freddo, frullate il tutto con 50 g di nocciole tostate e stendete la miscela su un vassoio. Lasciate asciugare per 30 minuti, mettete in un barattolo in frigo, dove si conserverà per 4-5 giorni.

Polvere aromatica con alghe nori e semi

In un pentolino dal fondo spesso tostate per 5 minuti scarsi 2 cucchiai di semi di sesamo e 2 cucchiai di semi di zucca sgusciati. Dopo 10 minuti circa tostate tostate direttamente sulla fiamma a intensità media 2 fogli di alghe nori con il lato lucente rivolto verso l’alto finchè non assumono una vaga colorazione verde. Quindi sbriciolatele in un frullatore aggiungendo i semi tostati fatti raffreddare e frullate rapidamente. Lasciate raffreddare la polvere, quindi chiudetela in un contenitore e conservatela in frigo per 3-4 giorni.

Semi misti tostati

Ponete in una padella dal fondo spesso un cucchiaio di semi di lino, uno di semi di girasole, uno di semi di zucca e uno di semi di sesamo facendoli tostare per 5 minuti a calore basso e rigirando spesso con un cucchiaio di legno. Frullateli non troppo finemente e usateli da soli o mescolati ad 1 o 2 cucchiai di pangrattato. Se lo desiderate, per avere un maggior apporto di vitamine e sali minerali, potete aggiungervi un cucchiaio di lievito di birra o di germe di grano in scaglie. Da consumare fresco.

Per concludere, alcuni consigli, oltre all’uso di erbe e spezie, per usare al meglio il sale e limitarlo al massimo: usate solo sale marino integrale invece di quello raffinato, il primo mantiene, infatti, preziosi minerali, oltre al sodio e conferisce per questo più sapore alle pietanze; usate il gomasio invece del sale (lo potete acquistare già pronto nei negozi di alimentazione naturale o potete prepararlo da voi con la ricetta che troverete qui nei prossimi giorni); salate solo a fine cottura, in questo modo il sale si distribuisce per lo più sulla superficie degli alimenti e ne serve di meno; marinare carne o pesce o verdure rende superfluo l’uso del sale o ne riduce di molto la necessità; preferite cotture che concentrano i sapori e riducono così la necessità di salare, ad esempio la cottura al cartoccio, alla piastra, al forno; usate ingredienti freschi, di stagione e di qualità: in questo modo non avrete bisogno di inondarli di sale per conferire loro sapore.

Infine, ricordate che bastano 21 giorni per abituare il palato a mangiare con meno sale, trascorso questo tempo ci si riabituerà a sentire di nuovo i sapori sottili e a fare a meno o ad impiegare tranquillamente meno sale senza per questo sentire penalizzato il gusto di ciò che si mangia.

Condividi questo articolo!

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.