Come abbronzarti e mantenere l’abbronzatura

12 Lug, 2018 da

abbronzaturaTempo d’estate, tempo di sole. Dieci facili regole per prendere il sole al meglio e mantenere l’abbronzatura

  1. Scegli alimenti ricchi di licopene e betacarotene, ad esempio, meloni, anguria, carote, mango, albicocche, batata, peperoni, pomodori. Importante quindi fare il pieno attraverso il cibo di questi antiossidanti. Il betacarotene, in particolare, è un precursore della vitamina A, la vitamina coinvolta nella rigenerazione cellulare e nella pigmentazione della pelle. In estate la vitamina A è particolarmente importante perché protegge la pelle dalle scottature e dai danni provocati dai raggi UV e promuove la riparazione dei tessuti cutanei. Il licopene, dal canto suo, è un potente antiossidante che contrasta la formazione di radicali liberi. L’anguria, ad esempio, contiene licopene, che è stato dimostrato essere in grado di proteggere la pelle dalle radiazioni pericolose e ad evitare scottature. Sceglila più rossa possibile, sarà più ricca di licopene. Il pomodoro è anch’esso ricco di licopene, reso ancor più disponibile se consumato cotto: una porzione di pasta integrale e ‘pummarola’ sarà perciò un primo piatto ideale per una perfetta abbronzatura, meglio se accompagnato da un filo d’olio extravergine d’oliva, essendo il licopene liposolubile e meglio assimilabile se consumato insieme ai grassi. Un concentrato di betacarotene è rappresentato dalle carote, che andrebbero preferite cotte per aumentare ancora una volta la biodisponibilità di questo antiossidante, sempre condite con un filo d’olio, come nel caso del pomodoro.
  2. Consuma alimenti che stimolino la produzione di melanociti (cellule responsabili della pigmentazione della pelle), ricchi cioè di tirosina, ad esempio: tacchino, bianco d’uovo, salmone, soia, mandorle e avocado, frutti di mare e pesce in generale, alga spirulina, semi di zucca
  3. Consuma a go-go frutti di bosco, sono ricchi di vitamina C, coinvolta nella sintesi del collagene, oltre che di carotenoidi e flavonoidi, sostanze utili per la salvaguardia della salute della pelle.
  4. Ricordati di inserire nella tua dieta alimenti ricchi di omega-3, ad esempio pesce grasso in quanto in grado di preservare la compattezza e l’elasticità dell’epidermide. Al ristorante o al mercato del pesce se sei al mare, scegli perciò, sarde, sgombri, alici…
  5. Scegli alimenti ricchi di vitamina D (tuorlo d’uovo, salmone pescato o selvatico, aringhe e sardine, sgombro, gamberi) che aiuta, oltre al resto, a proteggerti dai danni ossidativi e concorre a prevenire e trattare la pelle secca (per saperne di più vai all’articolo corrispondente )
  6. Inserisci regolarmente nella tua dieta alimenti ricchi di vitamina E, antiossidante indispensabile per la salute della tua pelle. Consuma quindi di frequente semi oleaginosi (aggiungendoli magari alle tue insalate o consumandoli come snack), verdure verdi, uova e cereali integrali. L’azione della vitamina E viene potenziata dall’abbinamento con il selenio: via libera quindi anche ad alimenti che lo contengono in modo significativo quali, ad esempio, riso integrale, anacardi, noci brasiliane, orzo, uova, polipo, cozze
  7. Bevi adeguatamente: idratare la pelle dall’interno è fondamentale per mantenerne l’elasticità. L’acqua può e deve anche essere assunta attraverso la frutta e la verdura, che in estate è bene venga consumata anche per questo motivo. L’anguria, ad esempio, è ricchissima di acqua e può essere frullata e bevuta fresca per togliere la sete, così come per soddisfare in modo salutare quel desiderio di dolce che ogni tanto ci coglie. Ricorda che l’acqua resta sempre la bevanda migliore, se però hai voglia di altro, evita le bibite confezionate e preparati magari uno smoothie o un centrifugato con frutta e verdura fresca di stagione, scegliendo quella più ricca delle sostanze sopra citate. Se vuoi qualche idea, puoi trovarla qui
  8. Non disidratare la pelle con docce troppo calde. Usa acqua tiepida o fredda, anche la tua circolazione ne beneficerà
  9. Idrata regolarmente la pelle con una crema adeguata o un olio, ad esempio quello di iperico che svolge anche un’azione lenitiva su eventuali arrossamenti o scottature, oltre a stimolare la rigenerazione cellulare
  10. Esponiti al sole con gradualità e adeguata protezione per dare il tempo alla tua pelle di sintetizzare la melanina, il pigmento che protegge la pelle dal sole.

Infine… la ricetta della nonna per prolungare l’abbronzatura del viso: prepara un’infusione di tè nero molto carica, lasciala intiepidire e lava con essa il viso, successivamente, usa la tua crema idratante preferita.

Per altri consigli e per avere qualche idea-menù utile all’abbronzatura, leggi anche questo articolo 

 

Condividi questo articolo!

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.