Paura e Consapevolezza

20 Mar, 2017 da

paura elefanteLa paura non è una cosa; è un’attività. La paura è l’attività di comprimere e contrarre l’energia del cuore. Quando dobbiamo affrontare una situazione fisicamente pericolosa, i vasi sanguigni si restringono e si contraggono, entriamo in tensione, abbiamo più energia e riusciamo a uscire in fretta da quella situazione. È quel che deve succedere, è una reazione appropriata. Ma spesso la stessa reazione si crea impropriamente per una ragione o minaccia immaginarie.

Sviluppiamo schemi molto complessi per evitare di sapere che siamo noi che fabbrichiamo la paura. In qualche modo ce ne sentiamo vittima. E in quella situazione di impotenza, l’unica cosa che riusciamo a fare è giudicarla sbagliata, è sentire che stiamo fallendo. Ma ci è possibile espanderci al di là di queste reazioni contratte con la nostra ben sviluppata radiosa consapevolezza, libera dal giudizio e anche dal bisogno di comprendere. Consapevolezza significa semplicemente voler ricevere con accuratezza.

Quando la luce della consapevolezza offusca queste oscure reazioni di rifiuto e di elusione, si rivela l’attività dinamica della paura che noi creiamo. La sentiamo accadere, ci sentiamo creare questa costrizione che impedisce di percepire la vita, che impedisce la possibilità della bellezza, dell’intelligenza e dell’amore. Forse arriviamo a capire che la possibilità di amare è sempre presente. In effetti è la condizione più naturale. Capiamo che l’unica cosa che la impedisce è la contrazione della paura che noi creiamo per inconsapevolezza.

Achaan Munindo

Libertà inattesa

Ubaldini Editore

Condividi questo articolo!

Articoli simili

Condividi

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.