Parlaci del Bene e del Male

29 Gen, 2017 da

Capodanno 2017 Portovenere (21)E uno degli anziani della città disse: Parlaci del Bene e del Male.

Ed egli rispose:

Io posso parlare del bene che è in voi, ma non del male.

Poiché che cos’è il male se non il bene torturato dalla sua stessa fame e sete?

In verità quando il bene è affamato cerca persino in buie spelonche, e quando è assetato beve persino da acque morte.

Siete buoni quando siete voi stessi;

ma anche quando non vi è unità in voi stessi non siete cattivi; perché una casa divisa non è un covo di ladri, è solo una casa divisa.

E una nave priva di timone può errare senza meta tra isole pericolose senza tuttavia andare a fondo.

Siete buoni quando vi sforzate di dare qualcosa di voi stessi.

Però non siete cattivi quando cercate il vostro guadagno; giacché quando lottate per il tornaconto non siete che una radice che si avvinghia alla terra e le succhio il seno.

Il frutto non può di sicuro dire alla radice: “Sii come me, maturo e carnoso, e dona sempre la tua abbondanza”.

Poiché come il frutto ha necessità di dare,  la radice ha necessità di ricevere.

Siete buoni quando siete completamente desti nel vostro discorrere;

Però non siete cattivi quando, dormendo, la vostra lingua si muove esitante senza scopo; persino un discorso incespicante può rafforzare una debole lingua.

Siete buoni quando camminate verso la meta, con fermezza e passi audaci;

Però se vi andate zoppicando, non siete cattivi.

Persino quelli che zoppicano non vanno a ritroso.

Ma voi che siete forti e veloci, badate bene di non zoppicare davanti allo zoppo, ritenendola una cortesia.

Siete buoni in innumerevoli modi; e quando non siete buoni, non siete cattivi,

Solo indugiate e siete pigri.

Peccato che i cervi non possono insegnare la velocità alle tartarughe.

Nell’anelito per un io gigante giace la vostra bontà e quell’anelito è in tutti voi;

Ma in alcuni è un torrente che scorre veloce e con impeto verso il mare trascinando con sé i segreti dei colli e i canti delle foreste.

Mentre in altri è solo un placido corso d’acqua che si perde negli angoli, e curva, e si attarda, prima di raggiungere la spiaggia.

Ma non permettete che chi tanto desidera dica a colui che poco desidera: “Per quale motivo sei lento e zoppicante?”

Perché il vero buono non chiede al nudo: “Dov’è il tuo vestito?”

Né al senzatetto:

“Cos’è successo alla tua casa?”

Kahlil Gibran

Il Profeta

Universale Economica Feltrinelli

Condividi questo articolo!

Articoli simili

Condividi

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.