La Compassione

29 Apr, 2016 da

compassione

In questo periodo continua a risuonarmi e a riproporsi in tutte le salse il concetto di “compassione“. Anche stamani, aprendo un libro che mi è piaciuto molto ed era tempo non riguardavo, ho trovato queste parole che voglio regalare a tutti. 

“Lo stato di compassione come fremito del cuore sorge con l’equanimità. Potete immaginare uno stato mentale nel quale non ci sia un amaro e biasimevole giudizio di noi stessi e degli altri? Questa mente non comprende il mondo in termini di buono e cattivo, giusto e sbagliato, bene e male, essa vede solo “la sofferenza e la fine della sofferenza”. Cosa accadrebbe se guardassimo noi stessi e tutte le diverse cose che vediamo e non ne giudicassimo neanche una? Ci accorgeremmo che alcune cose portano dolore e altre felicità, ma non ci sarebbe condanna, colpa, peccato o paura. Quanto sarebbe meraviglioso vedere noi stessi, gli altri e il mondo in questo modo! Quando vediamo solo la sofferenza e la fine della sofferenza, allora sentiamo la compassione, allora possiamo agire in modi energici e forti, ma senza gli effetti corrosivi dell’avversione.

La compassione può condurre a un’azione molto energica, ma priva di rabbia o avversione. Quando vediamo un bambino piccolo avvicinarsi a un fornello rovente, entriamo subito in azione! La reazione nasce dalla compassione che proviamo: ci muoviamo per allontanare il bambino dal dolore e dal pericolo, non rifiutiamo o condanniamo il bambino.

Provare compassione significa desiderare che un essere o tutti gli esseri siano liberi dal dolore; significa percepire da dentro come dev’essere l’esperienza di qualcun altro.”

Sharon Salzeberg

L’arte rivoluzionaria della Gioia          

Ubaldini Editore

Condividi questo articolo!

Articoli simili

Condividi

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.