Elefanti: cosa c’entrano con la felicità?

22 Ott, 2017 da

elefantiAbbiamo visto allora come si può sviluppare la capacità di non far sapere alla mano destra quello che fa la sinistra. Dobbiamo adesso parlare dell’esatto opposto, non più della creazione del problema, ma di come si fa a non affrontarlo, allo scopo di renderlo eterno.
Il fondamentale modello ci è fornito dalla storiella dell’uomo che batteva le mani ogni dieci secondi. Interrogato sul perché di questo strano comportamento, rispose “Per scacciare gli elefanti”. “Elefanti? Ma qui non ci sono elefanti!”

E lui: “Appunto”.

La morale della storia è che rifiutare o scansare una situazione temuta, un problema, da un lato sembra essere la soluzione più logica, dell’altro però assicura il persistere del problema. E il suo valore per noi consiste proprio in questo.

Paul Watzlawick

Istruzioni per rendersi infelici

Universale Economica Feltrinelli

Condividi questo articolo!

Articoli simili

Condividi

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.