Amaretti al cocco

19 Nov, 2014 da

AmarettiVolevo preparare dei dolcetti da offrire nel corso di uno dei miei laboratori di scrittura (che sempre più stanno diventando anche dei veri e propri happening mangerecci) e, tanto per cambiare, non avevo molto tempo a disposizione e come ospiti anche delle persone intolleranti al glutine. Così ho provato questa ricetta che ho trovato su un libro dedicato ai celiaci, intolleranti e allergici dal titolo “Celiachia, intolleranze, allergie alimentari. 800 ricette naturali senza glutine, latte e lievito” di Teresa Tranfaglia. Devo dire che sono venuti davvero buoni.

Ingredienti

50 g di datteri essiccati, 100 g di cocco essiccato in scaglie, 100 g di farina di mandorle (100 g di mandorle ridotte in farina con il tritatutto), il succo e la scorza di mezzo limone bio, 1 uovo leggermente sbattuto, 2 cucchiai di farina di cocco per spolverare.

Preparazione

Accendete il forno e preriscaldatelo a 170° Tritate i datteri e metteteli in una casseruola coprendoli con 100 ml di acqua fredda. Fateli cuocere per 10 minuti, a fuoco medio, finchè tutta l’acqua sarà stata assorbita. Schiacciateli con una forchetta e lasciate raffreddare.

In una ciotola mescolate la farina di mandorle e il cocco in scaglie. Aggiungetevi la pasta di datteri, il succo e la scorza di limone e l’uovo sbattuto. Mescolate fino ad ottenere un impasto morbido ma compatto.

Inumiditevi le mani con acqua fredda, staccate un pezzetto di impasto della dimensione di una noce e fatene una pallina che schiaccerete un po’ disponendo il tutto su una teglia da forno ricoperta da carta forno lasciando lo spazio sufficiente tra una pallina e l’altra perché possano crescere in cottura.

Infornate per 15-20 minuti finchè gli amaretti saranno dorati. (Io li ho girati 5 minuti prima del termine della cottura, facendo attenzione che non si rompessero).

Sfornate, mettete gli amaretti su un vassoio, spolverateli con la farina di cocco e lasciateli raffreddare prima di servirli.

Interessante questa ricetta perché non usa zucchero, ma addolcisce i biscotti grazie ai datteri che sono una vera e propria miniera di sali minerali e vitamine. Essi contengono, infatti, potassio, calcio, fosforo, magnesio, ferro e vitamine A e B; sono quindi remineralizzanti, molto energetici, un ottimo anti-stanchezza, indicati anche per chi fa attività sportiva. Sono anche lassativi e, grazie ai sali minerali in essi contenuti, combattono la decalcificazione ossea e le infiammazioni a carico dell’apparato respiratorio (soprattutto sotto forma di sciroppo). Contrastano, infine, la produzione di radicali liberi e quindi l’invecchiamento cellulare. Per l’abbondante presenza di zuccheri semplici, i datteri sono sconsigliati a chi soffre di diabete o di iperglicemia, sopratutto se secchi e ricoperti di glucosio come conservante.

Un’unica avvertenza, meglio acquistare quelli freschi, al naturale, senza glasse allo zucchero o al glucosio sopra e senza eventuali trattamenti all’anidride solforosa. Se li acquistate biologici al naturale, siete tranquilli, altrimenti leggete molto bene le etichette.

Condividi questo articolo!

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.