Vitamine e bambini

20 Nov, 2013 da

Mio figlio ha 11 anni e vorrei dargli delle vitamine per rinforzarlo. Spesso è stanco, inappetente e svogliato, soprattutto in primavera. Gli do delle vitamine? Lei è a favore?

Cara mamma,

parto subito dalla sua ultima domanda: vitamine si, vitamine no. Le vitamine sono molto importanti, così come i sali minerali, gli enzimi e in generale tutti i nutrienti che troviamo naturalmente negli alimenti, o almeno in quelli non lavorati e trasformati. A maggior ragione lo sono per un sano sviluppo dei bambini.

In condizioni normali (e quelle che esulano dalla “normalità” possono essere accertate solo da un pediatra), non è necessario somministrare integratori ai nostri bambini, anche perché il rischio di sovradosaggio è sempre dietro l’angolo.

Quando la fonte delle vitamine, inoltre è rappresentata dalla frutta e dalla verdura – meglio se biologica e di stagione per assicurarne la massima presenza e non appesantire l’organismo con pesticidi o fitofarmaci – possiamo essere certi che non correremo mai il rischio di assumerne troppe. Il nostro corpo ci impedisce, per fare un esempio, di mangiare tutti in una volta quattro chili di carote e, soprattutto, non trasforma tutto il betacarotene in esse contenute in vit. A, causandone un eccesso.

Oltre alle vitamine, inoltre, frutta e verdura fresche sono ricche di tutto un insieme di sostanze che lavorano in sinergia con queste o che temperano eventuali rischi su soggetti, ad esempio, allergici o altro.

Il consiglio, pertanto, è quello di dare a suo figlio alimenti crudi, vivi e colorati e di fargli seguire per un periodo di almeno un mese una dieta leggera (che non vuol dire in bianco!), composta di piatti cotti il meno possibile, conditi solo con olio extravergine a crudo, senza salumi o carni rosse, sostituite da carni bianche e pesce e, soprattutto, che metta al bando tutti i prodotti lavorati e trasformati industrialmente, soprattutto quelli contenenti additivi, coloranti e conservanti.

Periodicamente, infatti, e in modo particolare durante i cambi di stagione, l’organismo ha bisogno di depurarsi per eliminare le tossine accumulate e noi dobbiamo aiutarlo in questo compito con una corretta alimentazione che preveda anche un abbondante consumo di acqua naturale. L’acqua, oltre ad idratare, aiuta nell’eliminazione delle tossine; ricordiamo, inoltre, che i bambini sono costituiti per il 75% circa di acqua, percentuale che scende un po’ nell’adulto e ancor più nell’anziano, ma si mantiene sempre su livelli elevati. L’acqua è presente in tutte le nostre cellule, nei fluidi corporei, soprattutto in alcuni, basti pensare al sangue e perfino nei muscoli. In una parola: siamo fatti di acqua!

Faccia in modo, quindi, che suo figlio beva a sufficienza, soprattutto acqua naturale, vietate le bibite di qualsiasi natura, in modo particolare quelle contenenti zucchero aggiunto.

Lo zucchero, soprattutto quello raffinato o “bianco” è infatti stato definito una vera e propria “tossina” per il nostro organismo. Vogliamo davvero dare ai nostri bambini un alimento tossico?

Mi permetta, infine, una piccola nota di riflessione finale: i nostri bambini non hanno bisogno di essere “rinforzati”, se hanno un buon livello di energia e crescono regolarmente, significa che assumono ciò di cui hanno bisogno. Se però vogliamo aiutarli, magari in momenti di cambio di stagione, al massimo potrei suggerire l’uso della pappa reale, accertandosi bene della sua provenienza (meglio se italiana) e qualità.

Condividi questo articolo!

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *