Vellutata di ceci e porri: una coccola d’autunno

16 Ott, 2019 da

vellutata ceci

 

Questa vellutata di ceci autunnale è una ricetta della mia mamma. Una bella crema di legumi di una volta, quella che oggi si chiamerebbe “confort food”, una sorta di coperta di Linus per coccolarsi nelle uggiose serate che ci attendono. È facilissima e veloce da preparare, a patto di avere i ceci già cotti.

 

Ingredienti (x 2 persone)

1 porro, 200 g di ceci cotti, brodo di cottura dei ceci (o acqua), peperoncino, un bel mazzetto di erbe aromatiche miste (origano, rosmarino, alloro, timo, salvia), olio extravergine d’oliva, sale marino integrale

Preparazione

Affettare sottile il porro e lasciarlo appassire in un cucchiaio di olio evo. Aggiungere le erbe aromatiche tritate e il peperoncino. Dopo aver fatto insaporire per bene, aggiungere i ceci cotti, coprendoli con il loro brodo di cottura o con dell’acqua calda. Lasciar cuocere per una ventina di minuti. Una volta pronto, togliere un po’ di brodo di cottura e tenerlo da parte in modo che la crema non venga troppo liquida. Far raffreddare leggermente e frullare con un minipimer a immersione, aggiungendo il brodo di cottura per raggiungere la consistenza desiderata. Aggiustare di sale.

Servire con delle fette di pane integrale tostate, insaporite con dell’aglio, una girata di olio extravergine d’oliva e un rametto di rosmarino. Chi deve o preferisce evitare il pane, può servire con cubetti di polenta cotta al forno o fatta croccare in padella, magari insaporita con della paprika.

I ceci sono ricchi di vitamine (A, B, C, E, K) e di sali minerali (calcio, ferro, fosforo, magnesio, sodio, potassio e zinco). Si rivelano utili per controllare il livello del colesterolo e della glicemia, riducendo il rischio di diabete. Sono inoltre un ottimo alimento diuretico, favorendo l’eliminazione dei sali presenti in eccesso nell’organismo, è per questo consigliabile un consumo regolare di ceci a chi soffre di calcoli. Anche gli anemici possono trovare giovamento nel consumare ceci, grazie al ferro contenuto in questo prezioso legume. Il contenuto di potassio aiuta invece a regolare la pressione arteriosa, mentre lo zinco è importante per la crescita dell’organismo in genere e la tenuta del sistema immunitario. È stato, infine, dimostrato che la vitamina K dei ceci stimola una migliore coagulazione del sangue e il metabolismo delle ossa.

Condividi questo articolo!

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *