Trota in salsa di carote e grano saraceno

3 Giu, 2019 da

Trota carote e carciofo e grano saracenoTrota in salsa di carote e grano saraceno: un piatto unico senza glutine

Terza puntata con le “ricette della disperazione”. Molti di voi mi hanno chiesto perché questo nome. Presto spiegato: avete presente quando arrivate alle sette e mezza – o peggio – a casa e dovete imbastire in tempo zero una cena dignitosa, possibilmente sana e allo stesso tempo gustosa, altrimenti gli altri commensali ve la tirano dietro? Non definireste questa una missione impossibile, foriera di una possibile sensazione di, sia pur momentanea, disperazione?

Un’altra caratteristica comune di questi piatti è che non ci sono dosi molto precise da dover rispettare. Se si arriva a cucinare all’ultimo minuto il bilancino dell’orafo è l’ultimo degli attrezzi che si ha voglia di impiegare Quasi tutte presuppongono però un buon uso di erbe aromatiche fresche, che dovrete quindi premunirvi di avere sul vostro balcone o sul vostro davanzale. Almeno timo, rosmarino, salvia e menta, oltre ai classici prezzemolo e basilico, dovreste sempre averli a portata di mano anche perché, come diceva la famosa Scuola Salernitana (prima università di medicina in occidente) “non può morire l’uomo nel cui giardino cresca timo, salvia e rosmarino”, tante sono le proprietà terapeutiche di questi meravigliosi doni della natura.

Quello di oggi è un piatto molto veloce (in mezz’ora al massimo è pronto), che si presenta bene ed è pure delicato e buono. Ovviamente è anche sano e completo, oltre ad essere incidentalmente senza glutine.

Ingredienti (per 2 persone)

2-3 filetti di trota iridea (o i filetti di pesce bianco che avete in casa), 6 carote di medie dimensioni, una manciatina di grano saraceno a testa, abbondante timo fresco, ghee, vino bianco, olio extravergine di oliva, sale marino integrale

Preparazione

Raschiate, lavate e tagliate a rondelle 4 carote che tufferete in un pentolino di acqua bollente (mettete l’acqua a bollire mentre pulite le carote). Cuocetele finché saranno abbastanza tenere. Scolatele, sciacquatele sotto acqua fredda e lasciatele scolare ancora un po’. A questo punto, frullatele o schiacciatele con una forchetta con abbondanti foglioline di timo fresco. Aggiungete un cucchiaino o due di ghee e mescolate bene.

Se non avete il ghee (per prepararlo andate alla ricetta che trovate sempre su questo sito), potete usare del buon olio d’oliva extravergine italiano.

Nel frattempo, insieme all’acqua per le carote, avrete messo a bollire altra acqua in un secondo pentolino, aggiungete un po’ di sale e cuocete il grano saraceno, basteranno 20 minuti circa. A fine cottura, scolatelo e conditelo con olio extravergine di oliva. Crema carote e grano saraceno

A questo punto cuocete i filetti di trota in una padella antiaderente, sfumandoli con del vino bianco (se lo avete, altrimenti sopravvivrete senza sfumarli), basteranno 5 minuti o poco più, dipende dalle dimensioni dei filetti.

Servite i filetti con la crema di carote e timo sopra e, a parte, come accompagnamento, il grano saraceno (che potrete anche condire con la crema di carote eventualmente avanzata).

In apertura, o mentre cucinate la cena, mangiate le carote crude rimaste o qualsiasi altro ortaggio crudo di vostro gradimento che avete a disposizione.

Dimenticavo… come vedrete dalla foto, ho accompagnato il piatto con qualche carciofo sott’olio fatto dalle sante mani della mia mamma, una bontà. Se ne avete in dispensa di buona qualità (attenzione soprattutto all’olio utilizzato), aggiungeteli anche voi, ci stanno davvero bene!

Condividi questo articolo!

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *