Salmone e gamberi nel vasetto

28 Apr, 2016 da

salmone nel vasetto

Ed ecco, per la terza volta, una ricetta che ricevo in questa versione dalla mia amica Laura, quella della vellutata di fagioli cannellini e gamberi e della versione arricchita del castagnaccio.

Si tratta di un secondo leggero e profumato, adatto ad essere preparato anche in anticipo, salvo l’ultima cottura di dieci minuti. Provare per credere…

 

Ingredienti x 2 persone

Un trancio di salmone fresco, qualche gambero,1 finocchio, una decina di foglioline di menta fresca, 1 limone bio, 1 arancia bio, sale, pepe, olio extravergine di oliva

Preparazione

Tagliare il salmone in bocconcini senza pelle e lische e condirli con un po’ di sale e pepe macinato. Fare lo stesso con i gamberi, dopo averli privati del carapace esterno. Pulire i finocchi e tagliarli a fettine di egual misura, scottarle in padella con olio, sale e poca acqua per qualche minuto (giusto per ammorbidirli un po’). Quindi, scottare appena il salmone e i gamberi. Porre il tutto a strati, cominciando con il finocchio, in un barattolo monoporzione da conserva con tappo ermetico (andranno bene anche quelli riciclati della marmellata, basta che abbiano una bocca larga e una certa capienza), profumando con qualche fogliolina di menta, una scorzetta di limone e una di arancio ogni barattolo.

Cuocere i barattoli in una casseruola con acqua (che dovrà arrivare fino al tappo) portandoli a leggerissima ebollizione (devono sobbollire dolcemente) per  10 minuti. Servire subito direttamente nel vasetto.

Io li ho provati (sia assaggiandoli, che cucinandoli) e devo dire che si presentano molto bene, sono buoni da gustare e rapidi da preparare. Cosa si può volere di più… ah sì, certo, sono anche leggeri e salutari… Il salmone, ricordiamolo ancora, dal punto di vista nutrizionale è un ottimo alimento: ricco di proteine, grassi polinsaturi, vitamine (tiamina, niacina, vitamina B6, vitamina B12) ed alcuni sali minerali (fosforo e selenio). Il contenuto in sodio è estremamente basso. Il tipo di cottura qui impiegata, inoltre, essendo molto delicata, è in grado di preservare meglio i grassi omega-3 contenuti nel salmone. Gli omega-3, infatti, sono grassi che si degradano velocemente alle alte temperature.

Condividi questo articolo!

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *