Piatti unici e Fase 2 – 3 – 4 …

30 Mag, 2020 da

piatti uniciMolti di noi sono tornati al lavoro, oppure ne hanno fin sopra i capelli di cucinare tre pasti al giorno per la ciurma al completo e non sanno più cosa inventarsi. Così, ho pensato di fare cosa gradita a tutti proponendo dei piatti unici che possano fare anche da schiscetta da portare al lavoro e possano essere consumati magari all’aperto, all’ombra di un albero (non necessariamente dell’ultimo sole), considerata anche l’attuale difficoltà di trovare posto in un ristorante a causa delle misure di distanziamento introdotte.

In più, sono piatti che possono essere preparati in anticipo, per lo più rapidi da cucinare (in pochi casi a patto di avere alcuni ingredienti – ad esempio i legumi – già cotti), cosa che permette una miglior organizzazione familiare.

Ricordate di accompagnare sempre, anche laddove non specificato, ogni piatto unico con verdura di stagione, cruda in apertura e cotta o cruda come contorno. Se mangiate in ufficio, basta scegliere della verdura da sgranocchiare e buona anche non condita, che avrete lavato a casa se necessario: finocchi, sedano, carote, rapanelli e così via.

Tutte le ricette si intendono per quattro persone.

Cous cous integrale con melanzane e peperoni alla menta

120 g di cous cous integrale, 160 g di ceci cotti, 600 g di melanzane, 500 g di peperoni rossi, un cipollotto, un cucchiaio di menta fresca tritata, mezzo cucchiaino di semi di cumino, mezzo limone, 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva, sale, pepe

Bucherellate i peperoni con una forchetta e passateli in forno sotto il grill a 200°C circa fino a bruciacchiarne la pelle su tutti i lati (ci vorranno 25 minuti circa, rigirateli spesso). Poi trasferiteli in un sacchetto per alimenti e lasciateli chiusi a raffreddare. Versate il cous cous in una ciotola con una presa di sale e 200 ml di acqua bollente, coprite e lasciatelo gonfiare per almeno 5 minuti. Tritate il cipollotto e tagliate le melanzane a dadini, quindi fate saltare tutto in padella con l’olio e il cumino per 15 minuti. Alla fine le melanzane dovranno risultare morbide. Salate e pepate. Riprendete i peperoni, ormai raffreddati, pelateli ed eliminate i semi, quindi divideteli in striscioline. Sgranate il cous cous con una forchetta e trasferitelo in un’insalatiera, unitevi le melanzane, i ceci cotti, la menta, il succo di limone e i peperoni. Mescolate bene e controllate il sale e il pepe.

Frittata di ceci al forno con zucchine e fiori di zucca

200 g di zucchine, 200 g di fiori di zucca, 150 g di farina di ceci, un cipollotto, una decina di foglie di basilico, 500 ml di latte di soia (o latte vaccino scremato), due cucchiai d’olio extravergine d’oliva, sale, pepe, noce moscata

Spuntate le zucchine e tagliatele a rondelle. Quindi mondate i fiori di zucca e tagliateli a metà per il lungo. Per ultimi tritate il cipollotto e le foglie di basilico. Amalgamate gradualmente in una ciotola la farina di ceci con il latte vegetale, lavorando con una frusta fino a ottenere una pastella liscia. Aggiungete, quindi, il basilico, una presa di sale, di pepe, di noce moscata e mescolate bene. Lasciate insaporire per qualche minuto. Rosolate dolcemente il cipollotto con l’olio e le zucchine in una casseruola adatta anche alla cottura in forno. Dopo 10 minuti aggiungete i fiori di zucca e fateli appassire rapidamente. A questo punto versate la pastella di ceci nella casseruola, livellatela con una spatola e infornate a 200 °C per . A cottura ultimata, rovesciate la frittata su un piatto e servitela tiepida oppure fredda accompagnata da un’insalata mista.

Come schiscetta potete tagliarla a fette e farcire con la frittata di ceci qualche fetta di un buon pane integrale, accompagnata da finocchi e carote o sedano o altra verdura di stagione già pulita e lavata da sgranocchiare in apertura.

Quinoa con piselli

300 g di quinoa, 400 g di piselli sgranati, timo o mezza foglia di alloro, peperoncino (facoltativo), prezzemolo, menta fresca, brodo vegetale, olio extravergine d’oliva, sale

Cuocere i piselli con un po’ d’acqua e gli aromi, Intanto cuocere per 16 minuti la quinoa nel brodo vegetale (il doppio di volume di brodo rispetto alla quinoa). Mettere nell’olio un trito di prezzemolo e meta. Lasciare riposare per qualche minuto la quinoa, condirla con i piselli e l’olio alle erbe.

Riso integrale alla nizzarda

200 g di riso integrale già cotto, 200 g di fagiolini verdi, 180 g di sgombro, un peperone rosso, un cucchiaio di aceto di mele, 2 uova sode, 4 pomodori, 80 g di olive verdi snocciolate, 4 cucchiai di olio d’oliva extravergine, un cucchiaino scarso di senape forte, sale, pepe

Cuocete al dente i fagiolini in acqua bollente salata, scolateli e risciacquateli velocemente sotto l’acqua fredda. Tagliate i pomodori a pezzetti, i peperoni a strisce. Tagliate le uova sode in quattro spicchi. Mescolate l’olio con l’aceto, la senape, il sale e il pepe. Aggiungete tutti gli ingredienti al riso integrale, condite con l’olio e l’aceto e servite a temperatura ambiente.

Cous cous con curry di verdure e cannellini

200 g di cous cous, una cipolla, una melanzana, due spicchi di aglio, 400 grammi di salsa di pomodoro, peperoncino macinato o peperoncino fresco, curcuma, olio extravergine d’oliva, un peperone rosso, due zucchini, una tazza di fagioli cannellini cotti, una tazza di brodo vegetale, curry, prezzemolo, sale

Tagliate la melanzana a fette dello spessore di circa un centimetro, spolveratele di sale grosso, disponetele a strati su un piatto piano e copritele con un altro piatto mettendoci sopra un peso. Sbucciate l’aglio e affettate finemente la cipolla, quindi fateli rosolare in un tegame capiente con 3 cucchiai d’olio e poco sale. Quando saranno appassiti, aggiungete i peperoni a listarelle, le melanzane a cubetti (dopo averle passate sotto l’acqua per eliminare l’eccesso di sale) e le zucchine tagliate a listarelle. Saltate a fuoco vivo alcuni minuti, mescolando continuamente, quindi aggiungete 300 g di salsa di pomodoro, un cucchiaino di curry e peperoncino a piacere. Coprite e proseguite la cottura una decina di minuti, fino a quando la verdura sarà cotta, ma non disfatta. In una casseruola riscaldate il brodo, aggiungete la salsa di pomodoro rimasta. Usate questo liquido per le verdure se il sugo dovesse rapprendersi troppo. A fine cottura aggiungete anche i fagioli cannellini. Preparate il cous cous secondo la ricetta base, aggiungendo due cucchiaini di curcuma all’acqua di cottura. Versate il cous cous in una ciotola larga e scavato un buco al centro. Versateci le verdure e guarnite con le foglie di prezzemolo. Servite il brodo vegetale con un piccolo mestolo in una ciotola a parte in modo che ciascun commensale, se necessario, possa versarlo nel proprio piatto per ammorbidire ulteriormente il cous cous.

Torta salata di grano saraceno agli zucchini

200 g di farina di grano saraceno, 50 ml di olio extravergine d’oliva, 3 zucchine medie, 1 cipollotto grande, 3 uova bio, curry, curcuma, sale

Mescolate in una ciotola la farina di grano saraceno, 80 ml di acqua tiepida, 50 ml di olio e un pizzico di sale. Lavorate l’impasto fino a che diventa omogeneo, a questo punto avvolgetelo nella pellicola da cucina e mettetelo in frigo per venti minuti.

Nel frattempo, mondate e tagliate a fettine sottili il cipollotto e fatelo appassire in un po’ d’olio e di acqua. Tagliate e a rondelle sottili le zucchine dopo averle lavate e mondate e aggiungetele al cipollotto. Aggiungete una presa di sale, incoperchiate e fatele cuocere brevemente. Aggiungete un cucchiaino di curry e, se necessario, pochissima acqua. Incoperchiate nuovamente, mescolando ogni tanto, e fate cuocere. Le zucchine dovranno però rimanere sode.

Mentre le zucchine si cuociono, sbattete le uova, aggiungete un pizzico di sale e la punta di un cucchiaino di curcuma. Sbattete ancora. Quando le zucchine saranno cotte, togliete il coperchio e lasciate raffreddare.

Intanto, prendete la pasta dal frigo, stendetela, con l’aiuto di un mattarello su un foglio di carta da cucina e trasferite la carta da cucina con la pasta distesa in una tortiera, meglio se sganciabile del diametro di 22 cm.

Bucherellate la pasta con una forchetta, versatevi le zucchine e le uova sbattute. Infornate in forno caldo a 180°C per circa una mezz’ora.

Servite con un’insalata verde o un’insalata mista di stagione.

Insalata piccante con i fagioli dell’occhio

500 g di fagioli dell’occhio cotti, 3 limette, 4 scalogni, un peperone rosso, 12 pomodorini ciliegia, un cetriolo, un peperoncino, 3 cucchiai di prezzemolo tritato, un avocado, due cucchiai di olio extravergine di oliva, sale

Mondate il peperone, lavatelo e tagliatelo a dadini. Lavate il cetriolo e tagliatelo allo stesso modo. Dimezzate i pomodorini, tritate il peperoncino, affettate gli scalogni. Radunate questi ingredienti in un’insalatiera con i fagioli dell’occhio. Emulsionate con una forchetta l’olio e il succo delle limette. Incorporate il prezzemolo e salate. Versate il condimento nell’insalatiera. Aggiungete l’avocado sbucciato e affettato. Rimestate bene, regolate di sale e fate riposare l’insalata per un’ora al fresco. consumatela con delle fette di pane integrale tostate oppure con un pugno di riso basmati a testa come contorno.

Omelette alle patate e cipolle

800 g di patate, sei uova bio, 2 cipolle, 2 spicchi d’aglio, 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva, un pizzico di noce moscata, un pizzico di prezzemolo, un pizzico di erba cipollina, pepe, sale

Affettare finemente le cipolle e l’aglio. Lavare e sbucciare le patate e tagliarle a cubetti. Soffriggere le cipolle e l’aglio in una padella con l’olio d’oliva e un po’ di acqua, aggiungere le patate e farle cuocere fino a quando saranno tenere. Insaporire con il prezzemolo e l’erba cipollina tritati e mescolare bene. Sbattere le uova, unirvi la noce moscata grattugiata a piacere e versare il composto sopra le patate. Quando le uova si saranno rapprese, girare l’omelette e terminare la cottura dall’altro lato.

Fagioli speziati

200 g di fagioli rossi, una cipolla, 3 spicchi d’aglio, un mazzetto di erbe aromatiche miste, mezzo cucchiaino di peperoncino, un pezzo di zenzero, un cucchiaino di curcuma, 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva, sale grosso, sale

Mettere in ammollo i fagioli per circa 8 ore, gettare l’acqua di ammollo e cuocerli per circa un’ora a fuoco lento con il mazzetto di erbe aromatiche. Far appassire la cipolla tritata finemente in olio e acqua. Frantumare in un mortaio il sale grosso, l’aglio, il peperoncino e lo zenzero. Aggiungere alla cipolla il mix di spezie insieme ad un cucchiaino di curcuma. A cottura ultimata, scolare i fagioli e separarne una parte, che deve essere passata per ottenerne un purè. Unire i fagioli interi e la purea al soffritto speziato, mescolare bene e far cuocere ancora qualche minuto amalgamando il tutto con un cucchiaio di legno.

Servire con un cereale cotto come contorno (riso integrale, orzo, grano saraceno, farro e così via)

Ceci all’indiana

200 g di ceci, 250 g di salsa di pomodoro, 2 spicchi d’aglio, 2 chiodi di garofano, un cucchiaino di curry in polvere, un cucchiaino di zenzero in polvere, un pizzico di peperoncino in polvere, una presa di coriandolo, un pizzico di noce moscata in polvere, olio, sale

Mettere in ammollo i ceci per 24 ore con un pizzico di sale. Gettare l’acqua di ammollo e far cuocere i ceci con uno spicchio d’aglio per circa un’ora. A parte prendere una padella, mettervi la salsa di pomodoro con un altro spicchio d’aglio e un po’ di sale e cuocere a fuoco basso. In un mortaio, o con l’aiuto di un mixer, ridurre in polvere i chiodi di garofano, il coriandolo, la noce moscata, lo zenzero e il peperoncino, miscelare questo miscuglio di spezie con il curry. Aggiungere al pomodoro questo mix di aromi e continuare la cottura per altri 5 minuti. Sgocciolare i ceci e unirli alla salsa. Se necessario allungare il pomodoro con qualche mestolo di acqua di cottura dei ceci, regolare di sale e lasciar cuocere ancora per 15-20 minuti, cioè il tempo necessario affinché i ceci si insaporiscono. Infine condire a piacere con olio d’oliva a crudo.

Servire con un cereale cotto come contorno (riso integrale, orzo, grano saraceno, farro e così via)

Se queste ricette non vi sono bastate, potete andare – sempre su questo sito – al seguente link per trovare altre fonti di ispirazione: ricette

Oppure, in caso vi stiate anche chiedendo da dove abbia tratto le ricette qui sopra (spesso con qualche modifica, se non proprio inventate dalla sottoscritta), eccovi accontentati. Di seguito i riferimenti bibliografici:

Paola Galloni – “Leggeri in cucina” – Tecniche Nuove

Giuliana Lomazzi – “Cucinare i legumi” – Tecniche Nuove

Joan Rundo – “Cous Cous. Tutte le ricette del mondo” – Sonda Edizioni (Altromercato)

Michela Trevisan, Elena Moro – “Mangia sano e spendi poco” – Terra Nuova Edizioni

Condividi questo articolo!

Articoli simili

Tags

Condividi

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *