Le ricette dell’estate salva abbronzatura

15 Lug, 2018 da

pomodori ripieni

Chi mi conosce sa che colleziono libri di cucina. Ovunque vada cerco un libro di cucina locale, così nel tempo ho collezionato libri di mezzo mondo e di quasi tutte le regioni d’Italia. Visto quel che scrivevo nell’articolo sull’abbronzatura, ho pensato di offrire una selezione di ricette tratte da libri di paesi e regioni calde che classicamente impiegano come ingredienti proprio gli alimenti cui facevo riferimento nell’articolo. Si tratta di idee veloci, facili, stuzzicanti e, ovviamente, adatte alla stagione.

 

Insalata di melone

2 meloni, zenzero fresco, 40 g di zucchero di canna, peperoncino, un pizzico di sale, foglie di menta, succo di limone

Pulire il melone e tagliarlo in dadini di 3-4 cm di lato. Condirlo con lo zucchero, il sale e la menta. Aggiungere il peperoncino e lo zenzero grattugiato, poi, qualche goccia di succo di limone. Tenere in frigo per almeno un’ora. Servire in coppette di vetro fredde.

Peperonata

400 g di peperoni gialli e rossi di media grandezza, 300 g di pomodori, olio extravergine d’oliva, una cipolla, uno spicchio d’aglio, qualche peperoncino, sale, basilico

In una padella riscaldare l’olio, aggiungere la cipolla tagliata a fettine e l’aglio tritato a spicchi; rosolare leggermente e aggiungere i pomodori (dopo averli ben schiacciati per privarli dei semi). Far cuocere due minuti, aggiungere i peperoni, i peperoncini, un po’ d’acqua, il sale e far stufare il tutto per una mezz’ora circa (ricordarsi di aggiungere a fine cottura le foglie di basilico).

Spaghetti alle acciughe

400 g di acciughe, una cipolla media, due spicchi d’aglio, 400 g di pomodori maturi, un cucchiaio di pecorino romano grattugiato, 250 g di spaghetti, 80 cl d’olio extravergine d’oliva, 40 cl di vino bianco, un pezzetto di zenzero, prezzemolo, sale marino integrale

Pulire bene le acciughe, togliere le teste e la lisca, prepararle in filetti. Intanto preparare un trito con la cipolla, l’aglio, lo zenzero, il prezzemolo e farlo rosolare in una padella con l’olio caldo; quando il trito sarà imbiondito, aggiungere le acciughe, farle rosolare a fuoco vivace e versare il vino bianco che farete evaporare. Spellare e schiacciare i pomodori e unirli al resto, salare e far cuocere altri 10 minuti circa. Cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata, scolarli bene e farli saltare nella padella con il sugo; aggiungere il basilico spezzettato con le mani e spolverare con il pecorino grattugiato.

Peperoni in agrodolce

1 kg di peperoni rossi, due cipolle medie rosse, tre spicchi d’aglio, menta, tre cucchiai di zucchero, 100 ml di aceto di mele, olio extravergine d’oliva, sale marino integrale

Lavare e tagliare a tocchetti i peperoni (consiglio il peperone rosso perché è quello più maturo, più dolce e più facile da digerire).
Farli saltare in padella insieme all’olio, la cipolla tagliata a fettine e l’aglio. I primi minuti sono molto importanti perché gli ingredienti devono cuocere a fuoco vivace ed essere mescolati spesso in modo da non bruciarsi. Appena i peperoni cominceranno a cedere i liquidi, si può abbassare la fiamma, aggiungere qualche foglia di menta e portare bene a cottura. Saranno necessari circa 20 minuti. Quasi al termine della cottura aggiungere prima lo zucchero e poi l’aceto e far sfumare per bene. Aggiustare di sale e servire

Friselline con crema di avocado e pomodorini

4 friselline integrali, un avocado, 25 pomodorini, 2 spicchi d’aglio, il succo di mezzo limone, 15 foglie di basilico fresco, sale marino integrale, mezzo cucchiaio di olio extravergine d’oliva

Immergere le friselle in acqua tiepida finché si sono ammollate, poi metterle in un piatto con della carta assorbente. Far riposare per 15-20 minuti. Nel frattempo tagliare i pomodorini in quattro parti e insaporirli con il sale, l’olio e uno spicchio d’aglio. Riunire la polpa dell’avvocato in un recipiente dei bordi alti, aggiungere il sale e l’aglio schiacciato. Con un frullatore ad immersione ridurre tutto a una crema morbida e omogenea. Unire gradualmente il succo di limone, assaggiando per evitare che dia un sapore dominante. Distribuire la crema sopra le friselline, quindi aggiungere i pomodori e il basilico ridotto a striscioline. Servire subito.

Carote aromatiche

4 carote grandi, un cucchiaio di capperi sotto sale, due pizzichi di foglioline di timo, una foglia di salvia, un rametto di rosmarino, uno scalogno, olio extravergine d’oliva

Affettare le carote a bastoncino, tritare i capperi ben dissalati con lo scalogno e le erbe aromatiche. In una padella mettere due cucchiai d’olio e il trito aromatico a soffriggere, unire le carote e far cuocere per cinque minuti mescolando continuamente.

Yemista – pomodori e peperoni ripieni al magro

6 pomodori grandi, 6 peperoni verdi grandi, 3 patate, 500 g di cipolle tritate, una tazza di riso già cotto, 2 tazze d’olio d’oliva extravergine, un mazzetto di prezzemolo e aneto tritati, sale, pepe

Lavare i pomodori e i peperoni, tagliare e asportare dalla parte superiore un coperchietto che verrà messo da parte. Svuotare l’interno dei pomodori con l’aiuto di un cucchiaio. Buttare i semi e tenere il resto da parte. In un tegame rosolare le cipolle nell’olio e aggiungere il riso, il prezzemolo, la polpa di pomodori, sale e pepe. Mescolare bene e con questa miscela riempire i pomodori e i peperoni, chiudere con il coperchietto e tagliare le patate a spicchi. Disporre tutto in una teglia e far cuocere a forno medio per 45 minuti circa.

Sgombri al forno

1/2 chilo di sgombri, 1/2 chilo di pomodori tritati, 2 cipolle tritate, 5 spicchi d’aglio sminuzzati, una tazza di gherigli di  noci tritati, una tazza d’olio d’oliva extravergine, sale, pepe, origano

Pulire e lavare bene i pesci e salarli. Mescolare bene in un miscuglio l’aglio, i pomodori, le cipolle, l’origano, il sale e il pepe. Con una parte di questo miscuglio riempire le pance dei pesci e disporre i pesci in una teglia. Mettere il resto del miscuglio insieme ai gherigli di noce nella teglia fra i pesci. Aggiungere l’olio e cuocere al forno ad una temperatura di 180 °C fino a che si rosolano.

Pesto alla trapanese

6 pomodori maturi, 80 g mandorle pelate, 4 spicchi d’aglio, 4 foglie di basilico, olio extravergine d’oliva, sale marino integrale

Pelare i pomodori al coltello, rimuovere i semi e tagliare la polpa finemente. Riporre il tutto in una ciotola capiente. Pestare, preferibilmente al mortaio, l’aglio con il sale così da ridurlo in poltiglia. Continuare aggiungendo le mandorle e, solo alla fine, il basilico (perché si ossida facilmente). Unire il tutto alla polpa di pomodoro messa da parte e pestare tutti gli ingredienti ancora per un minuto. Per far amalgamare meglio i sapori, far riposare il pesto per qualche ora in un contenitore, aggiungendovi un filo di olio. È ottimo per condire la pasta. Per dare ancora più freschezza al piatto è possibile aggiungere un paio di foglie di menta.

Condividi questo articolo!

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *