Insalate di cereali: piatti unici di fine estate

16 Set, 2019 da

riso nero e gamberiCome promesso qualche puntata delle ricette della disperazione fa, ecco per tutti altre ricette di casa della mia amica Laura. Dopo i condimenti veloci per la pasta, alcune insalate di cereali, ottimi piatti unici di fine estate, saporiti e veloci. Grazie Laura!

Insalata di riso nero e trota salmonata (per 2 persone)

125 g riso nero (il parboiled cuoce in un quarto d’ora), 1 cespo piccolo di insalata amara (radicchio o scarola o insalata belga), 1 finocchio, 10 pomodorini, olio extravergine d’oliva, succo di limone

Cuocere il riso nero. Durante la cottura tagliare a fettine sottili l’insalata amara scelta e il finocchio. Tagliare a quarti i pomodorini. Mescolare tutti gli ingredienti, condire con olio e limone. Lasciar riposare per almeno mezz’ora in frigorifero, se possibile.

È possibile utilizzare anche altro pesce, ad esempio del nasello o dello sgombro.

Insalata di riso nero, zucchine e gamberetti (per 2 persone)

125 g riso nero, 2 zucchine, 150 g di gamberetti già cotti, 1 scalogno, erba cipollina, olio extravergine d’oliva

Cuocere il riso nero. Durante la cottura far saltare gli zucchini tagliati a rondelle o a cubetti in una padella con uno scalogno tagliato a fettine sottili e un filo d’olio. Aggiungere i gamberetti e far scaldare qualche minuto in padella. Tagliuzzare qualche stelo di erba cipollina e condire con un po’ di olio extravergine d’oliva.

Insalata di farro, finocchi e ceci (per 2 persone)

160 g di farro (meglio se integrale), 140 g di ceci cotti, 1 finocchio, spezie (curry, curcuma, paprika, o altro), olio extravergine d’oliva, limone

Cuocere il farro. Nel frattempo far saltare in padella i ceci con un filo d’olio e un pizzico delle spezie scelte. Far saltare in padella il finocchio tagliato a fettine sottili e un filo d’olio. Mescolare gli ingredienti, condire con un po’ d’olio evo, una spruzzata di succo di limone a gusto e lasciar riposare almeno mezz’ora.

Il riso nero o riso venere, è una varietà di riso dal colore nero, naturale, la cui tonalità è dovuta ai pigmenti della pianta. Si tratta di un riso coltivato da tempo in Italia, nell’area della Pianura Padana ed è ottenuto incrociando una varietà originaria della Cina.

E’ una varietà di riso molto ricercata per le sue notevoli proprietà nutrizionali ma, soprattutto, per il contenuto di antiossidanti che aiutano a combattere i radicali liberi, è più ricco di vitamine, di fibre vegetali ed è meno calorico in quanto più povero di zuccheri; per questo motivo è anche più adatto per chi ha la glicemia alta. Il riso nero, essendo meno lavorato di quello bianco, mantiene intatti i suoi principi attivi e le sue caratteristiche organolettiche e contiene percentuali di ferro e selenio notevolmente più alte di quello bianco. Contiene anche calcio e magnesio, ma è povero di sodio. Contiene, inoltre, lisina, un aminoacido essenziale di cui sono solitamente carenti gli altri cereali.

Per l’elevata digeribilità è indicato per chi soffre di disturbi digestivi, per i bambini e gli anziani.

Condividi questo articolo!

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *